Condividi
Home » Il Parco propone » Educazione ambientale

Museo Archeologico della Pietra Ollare

Malesco (Valle Vigezzo)

Il territorio del Parco Nazionale della Val Grande non è importante solo per la wilderness, o per la natura, ma anche per gli aspetti della presenza umana sul territorio. Il Museo archeologico della pietra ollare del Parco Nazionale Val Grande dà l'opportunità di andare a ritroso nel tempo e immaginare chi, prima di noi, ha vissuto in questi luoghi.
Ospitato nel Palazzo Pretorio, il Museo archeologico traccia la più antica storia dello sfruttamento di questo minerale nel territorio dell'Ecomuseo ed leuzerie e di scherpelit (Ecomuseo della pietra ollare e degli scalpellini) promosso dal Comune di Malesco, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte.

Il percorso del Museo coniuga archeologia, etnografia e geologia attraverso una particolare lettura dei rinvenimenti archeologici che evidenzia gli strumenti del lavoro quotidiano ed i prodotti dell'abilità degli antichi scalpellini locali.

Nella sezione archeologica del museo le testimonianze, che partono dalla preistoria e si fanno particolarmente ricche per l'epoca romana, danno la misura del progressivo dominio dell'uomo sulla natura e sulle risorse della valle, di cui lo sfruttamento dei giacimenti di pietra ollare costituisce elemento cardine di una floridezza economica mantenuta fino alla piena età romana.
Tra I e IV secolo d.C. i corredi si caratterizzano oltre che per i manufatti in pietra, per il numero considerevole di oggetti di pregio e di importazione. Tra questi spiccano soprattutto le casseruole in argento di produzione campana e gli splendidi vetri, vivida testimonianza del ruolo che la Valle ebbe in antico nei circuiti commerciali, anche a vasto raggio, di cui doveva essere motore lo sfruttamento delle risorse locali.
La tenacità e la facilità di lavorazione della serpentinite ha favorito il suo utilizzo, dalla preistoria fino al medioevo, anche nell'ambito del sacro. E' stata supporto per incisioni rupestri, ha fornito la materia prima per scolpire un'eccezionale testa di divinità nella tarda età del Ferro da Dresio e ha continuato ad essere impiegata nella decorazione e nella suppellettile di numerose chiese e luoghi di culto in tempi più recenti.

Nel piano seminterrato dell'edificio si conservano le strutture di un'antica latteria, in cui tutti gli elementi funzionali all'attività impiegano la pietra refrattaria a cominciare dal grande camino, creando un trait-d'union tra il tema della pietra ollare nell'archeologia e nella tradizione etnografica ed architettonica locale.

Dall'autunno 2013 è visitabile anche la nuova sezione geologica, situata al secondo piano del museo. Questa sezione illustra le emergenze particolarmente significative della pietra ollare, del marmo e delle rocce carbonatiche, che tracciano le tappe della pietra che "si fa storia". I tematismi vengono trattati sia nelle loro relazioni geoambientali, sia nelle interazioni connesse ai processi di sfruttamento come georisorsa, attraverso immagini e testi a partire dagli elementi geologici per arrivare alle tecniche di utilizzo. Gli inquadramenti geografici e geoambientali introducono gli argomenti di geologia generale con approfondimenti petrografici completati da reperti e campioni litologici.

PDF Pieghevole del Museo Archeologico (1Mb)

ORARI DI APERTURA 2018

Sabato 31 marzo, domenica 1° e lunedì 2 aprile dalle 14.30 alle 17.30

Mercoledì 25 aprile, Sabato 28, domenica 29, lunedì 30 aprile dalle 14.30 alle 17.30

Martedì 1 maggio, Sabato 26 e domenica 27 maggio dalle 14.30 alle 17.30

Sabato 2 giugno (in occasione della Sagra "Runditt, turtei e turte ad San Per" ) dalle 10 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 18.

Domenica 3 giugno dalle 14.30 alle 17.30 

9, 10, 16, 17, 23, 24, 30 Giugno: dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30

Dal 1° Luglio al 31 Agosto

Tutti i giorni, dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30 Chiuso il Lunedì

1, 2, 3 Settembre: dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30

APERTURA FESTIVITA' INVERNALI 2017

Il Museo del Parco Nazionale della Val Grande, sarà visitabile dal 7 al 9, dal 12 al 16, dal 22 al 23 dicembre e dal 27 dicembre al 6 gennaio (escluso il 1°) dalle 14.30 alle 17.30. 

Per informazioni telefonare al numero 0324/92444. Si ricorda che Il museo archeologico del Parco Nazionale della Val Grande è visitabile, su prenotazione, tutto l'anno.
Per le manifestazioni organizzate dall'Ecomuseo della pietra ollare: http://ecomuseomalesco.it/

PDF Attività didattiche dell'Ecomuseo (88Kb)
Per l'anno scolastico 2015/2016 l'Ecomuseo della pietra ollare propone alcuni percorsi tematici, abbinabili anche ad una escursione guidata nei dintorni di Malesco.

Museo Archeologico della Pietra Ollare del Parco Nazionale Val Grande
Palazzo Pretorio - Piazza Ettore Romagnoli - Malesco (VB)
Informazioni:
Per informazioni telefonare al numero 0324/92444, oppure Ente Parco Nazionale Val Grande - Tel. 0324/87540 - Fax 0324/878573 - info@parcovalgrande.it
Comune di Malesco - Tel. 0324/92261 - Fax 0324/92645 - http://ecomuseomalesco.it/

Museo archeologico della pietra ollare a Malesco
Museo archeologico della pietra ollare a Malesco
(foto di: Archivio Parco Nazionale Val Grande)
Museo Archeologico della Pietra Ollare
Museo Archeologico della Pietra Ollare
(foto di: Fabio Copiatti)
© 2018 - Ente Parco Nazionale Val Grande
Villa Biraghi, Piazza Pretorio, 6 - 28805 Vogogna (VB)
Tel. 0324/87540 - Fax 0324/878573
E-mail: info@parcovalgrande.it - Posta certificata: parcovalgrande@legalmail.it
P.Iva 01683850034
Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del MareFederparchi